Latest Posts

Oggi,  Primo Dicembre, inizia il conto alla rovescia verso il Santo Natale, finalmente ho finito il calendario d'avvento così posso aprire anch'io il Primo sacchettino.



Mia figlia il mese scorso mi ha fatto una bella sorpresa, mi ha regalato il libro "Amigurumi per un magico Natale" di Airali,  uscito finalmente in italiano.
All'interno ci sono dei bellissimi progetti che mi piacerebbe fare, come primo lavoro ho scelto qualcosa di facile e poco impegnativo, i sacchettini del calendario d'avvento, poi piano piano spero di poter aggiungere qualcos'altro.



Sono facilissimi da eseguire ma nello stesso tempo bisogna fare attenzione agli aumenti e ai giri, basta una piccola distrazione per dimenticarsi un punto e poi alla fine il conto non torna e bisogna disfare tutto! A me è successo diverse volte.




E adesso vi lascio la storia sul calendario d'Avvento, io non la conoscevo e voi?

Il Calendario dell'Avvento
La tradizione del Calendario dell'Avvento è molto antica. Le mamme, nei tempi andati, preparavano delle casette con 24 finestrelle, che I bambini aprivano, una per giorno, nei 24 giorni che precedevano il Natale. In genere questa operazione avveniva la mattina, perché all'interno della finestra c'era un versetto della Bibbia, da recitare insieme. Poi un giorno un certo Gerhard Lang, a Monaco di Baviera, ebbe un'idea: continuare la tradizione di sua madre, che di anno in anno per Natale preparava calendari colorati per i suoi figli. E così decise di stampare il primo Calendario dell'Avvento. Era l'anno 1908. Questa idea ebbe un grande successo e fu ripresa da molte ditte che cominciarono a stampare calendari. Negli anni '20 il calendario ebbe un'evoluzione, sostituendo i famosi versetti con piccoli quadratini di cioccolato, uno dietro ogni finestrella. Ed oggi, ad oltre 90 anni di distanza, I Calendari dell'Avvento sono ancora decorati con piccoli cioccolatini, e accompagnano I bambini nei 24 giorni prima del Natale, mettendo alla prova I più golosi e la loro pazienza!

Bacioni a tutte, alla prossima!

Buongiorno a tutte, è da qualche settimana che ho terminato il poncho per mia figlia e volevo farvi vedere il lavoro finito.
Ho rifinito i due rettangoli prima facendo un giro di punto basso e poi con il punto gambero, li ho poi uniti lasciando 20 cm di apertura.
Il cordoncino è lavorato a tubolare con l'uncinetto, alle estemità ho attaccato i  due pon pon



e poi piano piano continuo anche a ricamare con Federica
eccomi arrivata alla terza tappa del suo Sal




Ciao a tutte, alla prossima!


Ho finito di ricamare anche la seconda tappa del Sal Jardin Privè in compagnia di Federica ed il suo gruppo di amiche su Faceebok.
Corta e piacevole, eccola!


E questo è l'insieme ricamato fino adesso.


Da un po' di giorni ho ripreso in mano un lavoro lasciato in sospeso da molti mesi, è lavorato con l'uncinetto tunisino, una nuova tecnica che mi appassiona molto.


Ancora poche righe e poi inizierò a confezionare il poncho per mia figlia.


Buona settimana a tutte, alla prossima!


Ecco ricamata la prima tappa del Sal Jardin Privè organizzato da
Federica del blog un po' di tempo per me


Il  sal si compone di cinque tappe, una al mese, arrivederci alla prossima!


Ecco come sarà il ricamo finito

                                  

Un bacio a tutte!

Ecco una bellissima idea all'uncinetto, facilissima, veloce da realizzare e molto carina da regalare.
Si tratta di un cuscinetto imbottito e profumato che, a seconda delle vostre esigenze, può diventare un portachiavi oppure un cuscinetto per puntare aghi o spilli.
La lavorazione è davvero molto semplice, la bravissima Oana Oros Bonacorsi in  QUESTO VIDEO vi spiega chiaramente come fare.



Ho lavorato due parti uguali


Poi le ho unite con un giro di punto basso mettendo in mezzo un piccolo cuscinetto imbottito e profumato.


Mi piacciono, sono davvero molto molto carini, grazie Oana!


Spero siano piaciuti anche a voi, un bacione a tutte!

"La Gioia è assai contagiosa.
Cercate, perciò, di essere sempre
traboccanti di gioia, dovunque andiate"
Madre Teresa di Calcutta



Buongiorno a tutte,
finalmente ho completato anche il terzo ricamo, uno schema di Renato Parolin: Joy
rappresentato da cuoricini, fiori, un uccellino che vola, un albero e due cerbiatti innamorati.
                                 
Anche per me la Gioia è Amore e Dolcezza e quando arriva mi riempie il cuore.
La Gioia è stare in mezzo alla natura e respirare aria leggera, aria nuova, aria di speranza, ricevere con un sorriso un fiore di campo ed  un invito inaspettato, la gioia a volte dura un attimo come quando fai o ricevi un sorriso, ma quell'attimo ti rimane nel cuore e ti far star bene.

E adesso devo mettermi al lavoro e confezionare i due cuscinetti.


Un bacione a tutte!